CUCINA REGIONALE LIGURE: torta de articiocche

20 aprile 2012

Ciao amici! Eccomi ancora con la ricetta regionale con cui partecipo alla bella raccolta di BABI e RENATA




Questa settimana si cucina con le verdure. Ecco le proposte: 

     
     ... e LIGURIA qui da me!



La torta di carciofi è un piatto tipico della cucina genovese, che si spartisce la celebrità con la torta pasqualina a base di bietole, che potete trovare QUI.
 
TORTA DE ARTICIOCCHE - TORTA DI CARCIOFI

per la pasta matta
600 g di farina 00
6 cucchiai di olio
300 ml di acqua
10 g di sale

per il ripieno
12 carciofi
1 limone
1 cipolla
1 ciuffo di maggiorana
10 g di grana grattato
la mollica di due panini bagnata nel latte
4 uova
200 g di ricotta
olio, sale

Preparate la pasta matta, impastando tutti gli ingredienti. Quando avrete ottenuto un impasto morbido, fate una palla e mettetela a riposare sotto una pentola in cui avrete fatto bollire dell'acqua.
Pulite i carciofi, tagliateli a spicchi e metteteli in acqua acidulata con limone perché non annneriscano. Tritate la cipolla con una manciata di foglie di maggiorana, quindi coloritela nell'olio, unite i carciofi scolati e cuocete per una ventina di minuti. Fuori dal fuoco, mescolate i carciofi con il grana, la mollica ben strizzata, la ricotta e le uova battute leggermente. Regolate il sale e volendo aggiungete ancora qualche foglia di maggiorana tritata.
Dividete la pasta matta in 4 parti. Stendete più sottile possibile e disponete due sfoglie in una tortiera unta, ungendo anche fra una sfoglia e l'altra. Disponete il ripieno e ricoprite con le altre due sfoglie, sempre ungendo fra una e l'altra. Sigillate i bordi di tutte le sfoglie facendo un cordoncino quindi inserite una cannuccia da bibita al di sotto della sfoglia più esterna, soffiate per gonfiare la pasta, quindi chiudete velocemente il buchino, infornate a 190°C per 35-40 minuti. 

Questa che vi ho dato è la ricetta tradizionale, ma quando vado di corsa tiro la pasta un po' più spessa e metto solo una sfoglia sotto e una sopra che lavoro con l'attrezzino per fare la grata. 



E se proprio volete fare qualcosa di diverso mettete il ripieno dentro un guscio di riso, come vi descrivo QUI, e decorate a piacere con lamelle di mandorle.






E ora la poesia.

VORRIEIVA


Vorriéiva sempre aveite vixin
comme a barca a l'à o ma
comme a taera a l'à o çe
comme a viovetta a l'à o rosa:
amo mae bello
amo mae grande.

Vorrei sempre averti vicino/ come la barca ha il mare/ come la terra ha il cielo/
come la violetta ha la rugiada:/ amore mio bello/ amore mio grande. 


Ora esco, vado al cine, ma quando torno passo da voi, un bacio, buona serata :)

20 commenti:

  1. Che bella ricetta! E' sempre un piacere leggere i tuoi post dedicati alla cucina genovese. Buon fine settimana, Laura

    RispondiElimina
  2. gustosissima torta salata, complimenti, buon weekend

    RispondiElimina
  3. Adoro la pasta matta che utilizzo più della sfoglia che non riesco a digerire... adoro i carciofi, che te lo dico a fare.... adoro la tua cucina... Insomma, buon cinema, d'accordo, ma una fetta falla arrivare fino a qua!!

    RispondiElimina
  4. Finalmente svelato cosa sono le articiocche!! Ero davvero curiosa. Da voi in Liguria hanno un sapore assolutamente unico, anzi appena riesco vengo a farne una scorpacciata. Buonissima la torta salata, grazie e buonissimo weekend!

    RispondiElimina
  5. Complimenti Carla!!!!!!!!Ottima torta e bellissima poesia ...romantica e dolce!!!!!Un tocco d'amore ci sta sempre!!!!!!!un bacione e buon cinema!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Che delizia per il palato! carla sei stata bravissima!!!!
    un bacione e buon week end!

    RispondiElimina
  7. Carissima amica, queste torte salate sono tutte SUPER!!!
    Bellissima poesia, ci sentiamo preso. Bacioni

    RispondiElimina
  8. Ero veramente curiosa di sapere cosa fossero le articiocche! Io adoro i carciofi e questa torta mi piace tantissimo, bella anche la poesia!
    Un abbraccio e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  9. Ma dai le articiocche sono i carciofi.... nome simpatico...
    Interessanti le tue torte salate, quella con il guscio di riso mi incuriosisce di più!!! Come era il film? Spero sia stata una bella serata... buon w-e! ele

    RispondiElimina
  10. aahhhh ma sono i carciofi!!mi inviti a nozze ahahahh buona!!!!

    RispondiElimina
  11. e anche qui ero proprio curiosa di scoprire che fosserro le articiocche! una crostata di carciofi stupenda! buonissima e bellissima!
    che romantica la poesia!
    bacioni

    RispondiElimina
  12. Questa idea con i carciofi mi incuriosisce: prendo nota. Buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. articiocche come in inglese!!
    Bellissima Torta salata, che hai visto al cine? un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Come si fa a resistere a questa squisitezza?!! Io non ci riesco proprio, quindi mi tuffo sul tuo piatto e me ne prendo una bella e grande fetta.
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  15. Mia cara!!appena ho letto il titolo ho capito subito si trattasse di carciofi (studiare le lingue ha il suo vantaggio anche con i dialetti:)))E tu come sempre ci hai regalato una ricetta strepitosa!!!Segno;)W la Liguria!!!!Un bacione e buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  16. idee meravigliose tutte da gustare

    RispondiElimina
  17. La liguria e le torte di verdura sono un connubio indissolubile...la tua coi carciofi la aspettavo proprio .... non vedevo l'ora di vederla! la decorazione sopra è davvero chic!!! brava e complimenti anche per le poesie! davvero sempre grandi e cariche di verità!

    RispondiElimina
  18. complimenti cara :D entrambi le varianti hanno un aspetto delizioso <3 complimenti :D

    RispondiElimina
  19. Ciao crissima grazie di cuore delle parole che hai sempre per me e sai che ci tengo tantissimo a te!!! detto questo senno' qui divento troppo sdolcinata le tue torte di carciofi sono buonissime ma lo sai che in dialetto a Rovigo( sono di li io) si dice articioco?! bacioni

    RispondiElimina