CUCINA REGIONALE LIGURE: ancioe crùe a l'agro co-e tomate

7 maggio 2012


Ciao amici! Eccoci di nuovo con la ricetta regionale. Come vi abbiamo preannunciato, da oggi usciremo sempre al lunedì mattina, per augurarvi una buona settimana insieme a noi :D
Questa settimana c'è anche l'Abruzzo con EVA a cui dò la benvenuta e saluto con affetto TINA che per una volta passa la mano!




Questa settimana vi proponiamo una ricetta light, perché, come dice RENATA, si avvicina la prova costume :)  Allora ecco cosa abbiamo combinato: 

     
     ... e LIGURIA qui da me!


Le acciughe sono un classico della cucina ligure e rappresentano un antico cibo marinaro. Le acciughe venivano immerse nell'aceto per allungarne la conservazione, si possono trattare anche con il limone o con il sale, come faccio io. Restano saporite e fresche comunque e perciò sono adattissime all'estate. La ricetta ligure prevede l'uso dell'origano fresco (cornabuggia), ma qui ho preferito l'aneto.



ANCIOE CRUE A L'AGRO CO-E TOMATE - TARTARE DI ALICI CON POMODORINI

300 g di acciughe
100 g di pomodorini
olio EVO di olive taggiasche
aneto
songino

Preparate le acciughe per la consumazione a crudo come indicato QUI. Quindi tagliatele al coltello e mescolatele con i pomodorini, puliti, privati dei semi e tagliati a dadini piccoli. Condite il tutto con l'olio e aneto a piacere. Servite dando la forma con l'aiuto di un coppapasta e accompagnate a piacere con un'insalatina di songino condita con olio e sale.



E la mia solita poesia

BRINN-E


A seja a vegne zù che a pa un foin
e o se destende comme un vello o scùo...


L'aia a pessiga e a trilla drent'a-e feugge
chì e là striae da-e brinn-e de settembre.


Cresce o muggio de-a legna in te-a remissa
e o t'arrecuvea un teito e quattro muage...


Torna a ese 'n'amiga a vegia stiva:
a çenie fito a se rossia de braxe.


Brine

La sera piomba simile a una faina/ e si distende come un velo scuro il buio...
Pizzica l'aria e trilla tra le foglie/ qua e là striate dalle brine di settembre.
Aumenta la catasta di legna nella legnaia/ e ti ristorano un tetto e quattro mura...
Torna a esser un'amica la vecchia stufa/ presta la cenere sarà rossa di brace.


Mando questa ricetta alla raccolta di POVERI MA BELLI E BUONI




Ciao amici, posto con la programmazione, mentre leggete sto facendo lezione :D
Baci, stasera passo da voi!

29 commenti:

  1. ciao, che bella presentazione per queste acciughe, baci

    RispondiElimina
  2. Ma che splendido piatto hai realizzato Carla... ottimo con le alici l'unico pesce che mangio anche crudo e sempre super volentieri!!!!!adesso starai lavorando ...ma ti mando ugualmente un grande bacio che arrivi fino alla tua aula!!!!!
    Buona settimana!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Uhmmmm, mia cara si prepara anche in Campania e devo dire che lo adoro alla follia!!!!!Tu come sempre l'hai realizzato magnificamente!!!!Buon lavoro carissima!!!Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Bhe la poesia è super! (ormai lo sai che leggo il post al contrario vero??) e la ricetta idem, sai che non sapevo che le acciughe si potessero mangiare anche così....che bella idea (le preparerò al maritino!)

    RispondiElimina
  5. mai provate deono essere ottime!!ciaooo

    RispondiElimina
  6. Anche io non sapevo che si potessero mangiare cosi' ma tu amica mia sai sempre come stupire! ti auguro un buon inizio settimana e un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  7. ciaooooo carissima, le acciughe mi piacciono tantissime...anche crude ne vado matta! hai preparato un piatto gustosissimo!
    e come sempre...bella la poesia!
    bacioni e buona giornata

    RispondiElimina
  8. Uno dei piatti che adoro della cucina ligure!! E poi con le nostre acciughe, wow!! Ormai sono affezionata a questi pesciolini. Grazie mille, ci hai proposto una ricetta davvero sana e gustosissima e una splendida poesia. Buon lunedì, Babi

    RispondiElimina
  9. che bella ricettina, mia mamma fa molto spesso le acciughe crude, eli le prepara con il limone, come dici tu, le proporrò anche questa tua ricetta, secondo me l'apprezzerà moltissimo. un bacio

    RispondiElimina
  10. Carla ti sei davvero superata! Un piatto assolutamente delizioso che fa venire voglia di mare! Mi piace tantissimoooo!!!
    Da provare per forza, dato che in liguria ci sono stata non so più quante volte non posso non provare questa delizia!
    bacioni tesoro e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  11. Ottima idea per realizzare le alici fresche. Grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  12. Grande come sempre!!! Adoro le alici in tutte le salse. In più mi hai dato l'idea di come consumare parte della mia piantina di aneto!! Ma l'olio di olive taggiasche si trova normalmente??? Sempre una me ne infili, è??? Bacione!!

    RispondiElimina
  13. Io adoro le alici e questo è un ottimo modo di cucinarle, complimenti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. non mangio alici...anzi non mangio molto il pesce, però mi sembra molto saporito, magari lo provo per mio padre e l'assaggio, ma sicuramente dopo gli esami....per un pò cucinerò poco, diciamo una o due volte a settimana! intanto mi preparo per i rusticiii! ciao da In cucina da Eva

    RispondiElimina
  15. Mio marito adora le alici io non amo molto il pesce, gli faccio leggere la ricetta!!
    bacioni carissima!!

    RispondiElimina
  16. Davvero un bel piatto! a quanto pare il pesce ha spopolato tra le nostre ricette light!!!
    Ciao!!

    RispondiElimina
  17. Mia zia le prepara spesso e sono proprio ottime! Sai che a sanremo l'origano sia chiama curnìora, mentre a badalucco (in valle argentina) cornabuzza, molto più simile al genovese! Bacioni!P.S. per quanto riguarda il semifreddo la gambizzazione non è necessaria, basta una bella gomitata ben assestata!ahahaah!

    RispondiElimina
  18. Anch'io ero al lavoro e sono tornata in casa solo ora....
    Il tuo piatto è davvero gustoso mi ricorda le vostre alici al limone ...antipasto ligure che adoro...quando vengo dalle vostre parti ne faccio scorpacciate, ora devo provare questa ricetta con il pomodoro....
    baci elena

    RispondiElimina
  19. Grazie per le precisazioni Carla. Ma se lo vendono al Super a Genova me lo faccio prendere dai miei nipoti. Spesso vanno a trovare i genitori di lui!! Bacioneeee!
    p.s. in alternativa me lo porti qua. Visto che Roma ti piace...

    RispondiElimina
  20. Tommy adora le alici. Le cucinerebbe in tutti i modi. Ci segniamo questa ricetta ligure così le proviamo anche in questa versione.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  21. grazie carissima! mi piace molto questa tartarina di acciughe pomodori e aneto, molto insolita e graditissima!!
    Aggiorno subito la lista
    grazie ancora
    ciao
    Cris
    ps: bella poesia!

    RispondiElimina
  22. Ragazza il piatto è bellisssimo!!!! E qui c'è chi apprezzerebbe ma....hai indovinato non sono io!!!!
    Un brava da Sergio e un bacio da me

    RispondiElimina
  23. Che bella idea Carla così non le ho mai assaggiate!
    Sono incuriosita anche da questa iniziativa della cucina regionale... Appena trovi un attimo mi mandi una mail of un link in cui spieghi bene di che si tratta e come funziona?
    Ho visto che la Campania è assente dalla lista e hai visto mai...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  24. Un altra puntata di questa meravigliosa iniziativa, onorata da te con questo piatti eccellenti.
    A presto

    RispondiElimina
  25. ottimo piatto mi hai fatto venire l'acquolina di buon mattino

    RispondiElimina
  26. Io leggo il post solo ora, mercoledì sera... non ho avuto il tempo di passare. E' un periodaccio, sono impegnatissima con la scuola e ho internet che fa le bizze! Passerà...
    Proverò questo piatto con le alici marinate appena avrò un po' di tempo per andare a fare la spesa e cucinare qualcosa di serio. Buona serata, Laura

    RispondiElimina
  27. Leggo anche io solo adesso :-)))) Mi piace questa ricetta con le acciughe una ricetta povera ma gustosa e leggera, assolutamente perfetta! Baci

    RispondiElimina
  28. Carissima, volevo dirtelo anche qui! E' stato bellissimo incontrarvi ieri, conoscervi, dare un volto alle vostre parole e alla vostra generosità!
    Un abbraccio grande
    Patrizia

    RispondiElimina
  29. Adoro questo piatto!
    Quando passiamo in Liguria andiamo sempre a mangiare in un posticino che fanno solo pesce ma che buone le acciughe!

    RispondiElimina