Terza ricetta fiorita

19 giugno 2012

Ciao a tutti, come va il caldo dalle vostre parti? Qui picchia, ma di sera si alza un bel venticello e si dorme ancora bene. 

Vi posto un dolcetto fresco e semplice che mando a CINZIA e VALENTINA per il loro contest.



CHEESECAKE ALLE FRAGOLE E LAVANDA

600 g di fragole
2 cucchiai di miele di lavanda
500 ml di panna
250 g di yogurt bianco intero
200 ml di latte
8 g di colla di pesce in fogli
1 cucchiaio di burro
1 cucchiaio di lavanda alimentare
16 biscotti ai cereali

Mettete la lavanda a bagno nel latte per circa 1 ora. Intanto lavate le fragole e tagliatele a dadini; frullate nel mixer i biscotti e impastateli con il burro fuso. Disponeteli sul fondo di 4 bicchieri e disponetevi sopra le fragole. Scaldate il latte quindi filtratelo e unite la colla di pesce precedentemente ammollata nell'acqua e strizzata. Fate raffreddare mescolando. Poi unite la panna, lo yogurt e il miele e sbattete con le fruste per far incamerare aria. Non otterrete un composto montato ma spumoso. Distribuitelo sulle fragole, quindi mettete a rinfrescare il frigo. Decorate con la lavanda prima di servire.





Mando questa ricetta al contest della carissima MAMMAZAN


 

Voglio, prima di salutarvi, raccontarvi di un libro che ho appena finito di leggere. Si tratta di "Ricordi di un angelo sporco" di Henning Mankell, autore svedese, che vive anche in Africa, oltreché a Stoccolma, e ha dato vita a un poliziotto che amo moltissimo, Kurt Wallander. Questo romanzo non è un'avventura di Wallander, ma è la storia di una giovane svedese, Hanna, che per uno scherzo della vita si ritrova in Mozambico, dove eredita un bordello. E' un racconto lento, scritto benissimo, che accompagna l'evoluzione della ragazza in donna, in un ambiente difficile, dove l'odio fra bianchi e neri è una realtà incontrovertibile. Ad un tratto il racconto accelera, seguendo la vicenda di una nera, Isabel, accusata di aver ucciso il marito bianco, che la protagonista vuole salvare a tutti i costi. Non vi dico altro, nel caso voleste leggerlo. Per me è stato essere trascinata in un altro posto da cui non volevo venire via; finché non ho finito di leggerlo, una parte di me era con Hanna, e quando l'ho chiuso definitivamente mi sono chiesta e mi chiedo ancora cosa mai può essere successo, perché il racconto è finito, ma non è finito. Spero di avervi incuriosito abbastanza. Era tanto però, che non mi capitava di essere così assorbita da un libro :)

Ora passo da voi, buona serata!

18 commenti:

  1. eeehh anche qui a oleggio si fa sentire!!!
    una coppetta bella fresca ci vorrebbe!

    RispondiElimina
  2. Anche qui caldo ma a me piace:-) e mi piace anche la tua coppetta che a dirti la verità ora ci starebbe bene!
    Le tue recensioni mi piacciono e me lo segno anche se in questo periodo preferisco qualcosa di più leggero... Un bacione cara

    RispondiElimina
  3. Con questo caldo questa coppetta ci solleverà questo stress da AFA.
    A presto

    RispondiElimina
  4. Una bella coppetta anche per me grazieeeeeeee!!!!
    la recensione del libro mi ha incuriosito....
    Bacioni

    RispondiElimina
  5. Mentre mi gusto una coppetta, mi sfoglio il libro, ne parli in modo così appassionato che mi è venuta la voglia di leggerlo.
    Io ancora non posto la prima ricetta e tu sei alla terza...questa volta devi vincere!!!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  6. Bellissimo questo bicchierino, ci sono il sapore, il colore, il profumo e le consistenze differenti :) grande! E GRAZIE!
    bellissima anche la recensione del libro, pure se da troppo tempo non leggo un romanzo, sai far venire voglia di prenderlo :) un grande abbraccio, a presto!

    RispondiElimina
  7. Gli autori svedesi per me, ma i nordici in generale, rivestono un certo fascino per me. Pure io come Cinzia, riesco a leggere poco ma...ti confesso che questa settimana riusciò a leggere quasi tutt la mattina perché venerdì ho l'esame della curva glicemica e mi tratterrano al centro prelievi per un po'. Ho comprato un libro al mare, un paio di fine settimana or sono e ne approfitterò!!
    Grazie per questa ricettuzza tanto delicata, davvero ottima.
    un abbraccio e a presto, Vale

    RispondiElimina
  8. caldo di giorno ma fresco la sera...belle coppette!

    RispondiElimina
  9. Certo che vedere un libro attraverso i tuoi occhi fa venire voglia di correre a trovarlo per iniziare a leggerlo....
    Complimenti Carla..un dolce fresco e profumato
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. un modo nuovo sia per fare il cheese cake che per adoperare la lavanda :-)

    RispondiElimina
  11. fresca,profumata e originale!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  12. Ciao, tieni un bicchiere in freezer di questo delizioso cheese cake perché ho ancora del mio gelato - sufle di fragole postato ieri pomeriggio!;) Ciao..a presto, baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio, intendevo frigo ... lapsus linguae! Un altro bacio!

      Elimina
  13. qui fa caldissimo, bella la tua ricetta fiorita, bacioni

    RispondiElimina
  14. fantastica , fresca e molto golosaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  15. deve essere una vera delizia , ciao

    RispondiElimina
  16. E questa ricettina per il mio contest??
    http://atavolaconmammazan.blogspot.it/2012/06/il-mio-secondo-contest-ovvero-ricette.html
    Lo so che sono sfacciata!!!
    un bacione

    RispondiElimina