L'ITALIA NEL PIATTO: le lunghe cotture

20 novembre 2013

Ciao cari amici, oggi torniamo con l'appuntamento dell'ITALIA NEL PIATTO e con i piatti a lunga cottura.



Ecco le nostre proposte


Qui da me c'è il minestrone. Non è stato facile trovare un piatto a lunga cottura, nella nostra tradizione non ci sono carni da stracuocere o stufati da brasare e forse vogliamo risparmiare anche sul gas, noi notoriamente con il braccino corto ;)
Una delle poche cose che cuociamo abbastanza a lungo è il minestrone e quindi eccovelo qui. E' un piatto per tutto l'anno dove le verdure cambiano a seconda dei prodotti del mercato, quello che resta è il pesto, sempre presente.


MINESTRONE- MENESTRON CO-O PESTO

2 carote
2 zucchine
1 manciata di fagiolini
2 cipolle piccole
1 pezzo di porro
2 patate
1 gamba di sedano
1 mazzetto di cavolo nero
1 mazzetto di erbette
1 fettina di zucca
½ broccolata
¼ di cavolo verza
2 piccoli porcini freschi
sale
100 g di pesto
200 g di gancetti

Pulite tutte le verdure e mettetele a cuocere in acqua bollente salata. Cuocete per circa 1 ora e 30 minuti. Aggiungete la pasta e portate a cottura, quindi unite il pesto, mescolate e servite.






La ricetta del pesto la trovate QUI.


Vorrei approfittare di questa rubrica per parlarvi di una bella usanza ligure: quella dei Cristi delle Casacce. Le Casacce sono le confraternite della Liguria  e di Genova in particolare. Nate nel 1232 per far rivivere la Passione di Cristo, hanno anche introdotto e consolidato nel corso dei secoli la tradizione del cristante, cioè di colui che porta il crocifisso durante le processioni a cui la confraternita partecipa. Durante le processioni i confratelli si dispongono in un ordine ben stabilito: nella parte più avanzata dovranno stare coloro che portano stendardi e gonfaloni, immediatamente dopo i portatori dei Cristi, quindi gli stramôôi, cioè coloro impegnati a cambiare il crocifisso, e dietro i camalli, con il compito di darsi il cambio per portare la croce, dopodiché seguono gli altri membri della confraternita, Priore, segretario, tesoriere e consiglieri. 
L'abbigliamento di un confratello durante le processioni è costituito da indumenti caratteristici: la cappa di diverso colore chiusa dal cordone, su cui può portare un mantello detto tabarino e il boffa, cioè il cappuccio. Se il confratello è un cristante indosserà anche il crocco, l'imbragatura di cuoio dotata di un bicchiere nel quale va inserita la croce. I crocefissi pesano da 30 a oltre 110 kg. Portarli non è solo questione di forza ma anche di equilibrio, di sacrificio e di devozione. Pratica usuale, soprattutto nel Genovesato, è quella di far "ballare" i Cristi al termine delle processioni al suono della banda. Questo ballo, fatto dai cristanti più abili di solito con il crocifisso più grande della confraternita, consiste nel girare in tondo e far oscillare il crocifisso a tempo di musica ed è grande prova di abilità, forza ed equilibrio da parte del cristante. 

I Cristi della parrocchia di Murta


Mando questa ricetta a CINZIA e VALENTINA per il loro contest: i toni del rustico.




Nel mese di dicembre c'è doppio appuntamento con la rubrica: ci vedremo il 10 e il 20 del mese! A presto cari amici, vi aspettiamo.

32 commenti:

  1. splendidi i colori e sicuramente golosissimo nel gusto!
    bacione

    RispondiElimina
  2. ma voi liguri mettete proprio il pesto ovunque! ahahah
    Però sai che m'incuriosisce il minestrone con il pesto? Credo proprio che proverò a farlo!
    Ed hai fatto benissimo a parlare di questa usanza, certo che deve essere faticoso far muovere a ritmo il crocifisso così pesante, davvero un gesto di devozione per chi lo fa! Mi piacerebbe vederlo dal vivo.
    Complimenti per la ricetta e per il bel post, un bacione

    RispondiElimina
  3. Tesoro, mi sono resa conto che nel periodo della mia assenza hai postato praticamente ogni giorno, una leccornia più gustosa dell'altra! Meno male che mi sono fata un tablet e forse, gallerie permettendo, riuscirò a rimettere quasi in paro tutto quello che mi sono persa di te e di tanti altri. E poi è sempre un piacere passare... La ricetta te la invidio, perché un minestrone con il pesto deve essere assolutamente straordinario. E poi le tue notizie storiche sono sempre una chicca che si legge con molto piacere... Amichetta mia... a presto!

    RispondiElimina
  4. Carla Emilia, è decisamente troppo tempo che manco dal tuo blog :(
    Che meraviglia questo post, con il braccino corto anche per le cotture mi hai fatto morire dal ridere!
    Tra il minestrone, che sembra dire mangiami, e le interessanti notizie sui Cristi delle Casacce èp stato un vero piacere fermarmi un pò qui da te.

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  5. ma i gancetti sono la pasta?

    RispondiElimina
  6. il minestrone mi piace tanto, la tua ricetta buonissima! ti auguro una buona giornata Carla....qui fa tanto freddo....a stasera baci simona

    RispondiElimina
  7. Ahahahah... bella la battuta sul braccino corto e la conseguente carenza di piatti a lunga cottura. Sei un mito!!
    Però, dai, in questo piatto non vi siete "risparmiati"... :-)
    Un bacio.

    RispondiElimina
  8. Un minestrone saporito e squisito Carla!!!!! Bravissima!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  9. l'influsso ligure allora è proprio arrivato fino al basso Piemonte, la mia nonnina metteva sempre un cucchiaio di pesto nel brodo di minestrone....che sogno....non riuscirò mai ad eguagliare i vostri profumi però!!!

    RispondiElimina
  10. ma sai che dsi noi non si usa proprio mettere il pesto nel minestrone? è una cosa che voglio assolutissimamente provare, il pesto è uno dei profumi che più amo

    RispondiElimina
  11. qualche volta ho aggiunto anch'io il pesto al minestrone, è buonissimo!

    RispondiElimina
  12. Ciao Carla tutto bene? Qui sta diluviando! Quel minestrone sarebbe davvero perfetto!! Adesso mi faccio un giretto anche a vedere gli altri piatti di questa raccolta che è sempre una miniera di cose da sapere. Ciao. a presto.

    RispondiElimina
  13. Un minestrone davvero gustoso!!!
    Un bacio e felice serata!!!

    RispondiElimina
  14. ma il pesto lo mettete ovunque, anche ne minestrone, non ci avevo mai pensato.

    RispondiElimina
  15. Carla! O_O Vogliamo buttarlo via il minestrone??? Ah no! E' tutto mio! LO ADORO!
    e poi...lo stracotto dell'altra volta...e io sono a posto! ^_*
    Un grande abbraccio
    Annalisa

    RispondiElimina
  16. Ciao amica mia, sto meglio, grazie :) E' stato un raffreddore lampo, ieri sera ero tutta dolorante e stamattina andava già molto meglio... mah! A me piace il minestrone e il tuo deve essere ottimo con il pesto, che bella idea! Proverò ;) Un abbraccio forte e sogni d'oro :** <3

    RispondiElimina
  17. Ho un debole per minestre e minestroni, il tuo è proprio fantastico, ne gradirei volentieri una porzione :-)
    Buona serata, a presto ...

    RispondiElimina
  18. Non conoscevo questa ricetta, ma visto che amo sia il minestrone che il pesto la proverò. Grazie per il racconto dell'usanza dei Cristi delle Casacce. Ciao s

    RispondiElimina
  19. Bellissima ricetta ricca e gustosa. Belle ed interessante le vostre usanze dei Cristi delle Casacce che completano l'opera di questo bellissimo post.
    A Presto

    RispondiElimina
  20. ottimo il minestrone davvero particolare! certo immagino davvero l'abilità di far "ballare" i Cristi , incredibile! ciao cara!

    RispondiElimina
  21. il pesto dona un profumo inconfondibile!!! davvero originale !! complimenti!

    RispondiElimina
  22. sfiziosa l'idea di aggiungere il pesto!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  23. Ma poosso solo immaginare il profumo di questo miestrone..un'autentica delizia con quel tocco fresco e goloso!!!Un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  24. E' verissimo è uno dei pochi piatti con una lunga cottura...non dimenticherò mai il minestrone delle mie nonne...lo cuocevano sulla stufa a legna, lo preparavano al mattino e rimaneva lì a sobbollire per quasi tutto il giorno fino a sera per mangiarlo a cena naturalmente con l'aggiunta del pesto....uno spettacolo...in casa non si può proprio...l'ho rifatto qualche tempo fa da mia mamma sfruttando la sua stufa a legna....che bontà!!! E poi ne parliamo del minestrone ripassato...lo hai mai fatto...fai un soffritto di olio e cipolla quindi passi in padella il minestrone avanzato!!! Diciamo un piatto very strong che io personalmente digerisco in qualche giorno ma una volta per provarlo ne vale la pena!!!!!!!!!!!
    Anche il fotografo da ragazzo era un cristesante!!! Portava proprio i Cristi che hai fotografato! Io l'ho conosciuto però che già aveva smesso...pensa che veniva spesso a portare anche i Cristi della mia vecchia parrocchia...ma non ci siamo mai incontrati!!!! Ci siamo incontrati solo molti anni dopo!!!! La vita è strana!!!!

    Un abbraccio grande grande da tutti noi
    moni

    I nanetti ora stanno abbastanza bene...se leviamo i soliti colpi di tosse!!!!

    RispondiElimina
  25. ciao cara....eh si questo minestrone lo devo proprio provare, adoro il pesto e abbinato al minestrone sarà una squisitezza!
    bel post sui cristi delle casacce
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
  26. Squisito! Adoro il minestrone e mi piace l'aggiunta del pesto per un sapore ancora più ricco...
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  27. Ciao Carla, interessante la bella usanza dei Cristi delle Casacce e molto bella la chiesa, Il minestrone con pesto non è presente nella mia cucina ma sono sicura che è buonissimo, magari un giorno provo a prepararlo, mi ispira tanto. P.s. A proposito del tuo suggerimento ...le pagine con le mie ricette pubblicate ci sono da sempre, si trovano al inizio del blog, sulla parte destra sotto il banner della Federazione italiana pasticceria, gelateria ..., praticamente quando leggi una ricetta sul blog basta girare gli occhi sulla destra: "Scegli e Componi il tuo Menù - qui ci sono le pagine di tutte ( o quasi) ricette pubblicate". Ciao, un abbraccio forte e a presto!

    RispondiElimina
  28. Che belle storie che ci racconti sempre, un pezzettino di storia legata alla tua città. Grazie per regalarci questi piccoli sguardi su Genova e grazie per questo minestrone che ha fatto il giro del mondo nelle sue tantissime interpretazioni. Il pesto nel minestrone è quel tocco di profumo e sapore davvero unico! Un abbraccio, Vale

    RispondiElimina
  29. Ed eccomi finalmente, scusa il ritardo ma settimana scorsa avevo (graditissimi) ospiti i miei amici siciliani e mi sono un po' persa, buono il minestrone con il pesto, che quando è buono io mangio anche spalmato sul pane, tanto mi piace :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  30. Cara Carla, sai che vado pazza per il minestrone? Me lo preparerei tutte le sante sere (specialmente d'inverno) e quando lo faccio me ne sparo sempre due piatti.
    Questo tuo però ha anche una nota fresca, con l'aggiunta del pesto, che trovo molto stuzzicante :)
    GRAZIE!
    Un bacione a presto!

    RispondiElimina
  31. ... che minestrone :) Intrigante il mix di sapori ..... da provare :) Brava

    RispondiElimina