L'ITALIA NEL PIATTO: i legumi




2 ottobre 2017


Buongiorno a tutti, oggi L'ITALIA NEL PIATTO è dedicata ai legumi, buoni, sani, nutrienti, diffusissimi in tutto il bel paese.

Ecco cosa vi offriamo:
Liguria: mes-ciua
Friuli-Venezia Giulia:
Emilia Romagna: maltagliati con i fagioli
Marche:
Lazio:
Abruzzo:
Calabria: millecosedde


La mes-ciua è una zuppa di origine spezzina, che si fa risalire al 1700. Per essere preparata richiedeva solo la pazienza necessaria alla raccolta dei suoi ingredienti, consigliata ed imposta anche dalla povertà del tempo. La Spezia, allora, era poco più di un borgo abitato da contadini, pescatori, naviganti, artigiani e commercianti, che ancora alla metà del XIX secolo arrivava a contare non più di 10.000 abitanti. L'isolamento, determinato dalle caratteristiche del territorio, era rotto dagli scambi marittimi. In particolare ad avvicinarsi al porto erano i leudi, grossi barconi lunghi una decina di metri con 6 uomini di equipaggio, e le merci più trasportate erano granaglie e legumi. I camalli, addetti allo scarico delle merci, erano soliti raccogliere, per arrotondare il salario, quello che scappava dai sacchi e siccome le quantità di ogni singolo prodotto non era sufficiente a realizzare una zuppa, si mescolava il tutto in un cibo di recupero: la mes-ciua (mescolanza).




MES-CIUA     

150 g di ceci secchi
150 g di farro
150 g di fagioli cannellini  
olio, sale, pepe nero in grani
bicarbonato

Mettete a bagno in abbondante acqua fredda i ceci secchi e 150 g fagioli cannellini secchi, separatamente, con 1 pizzico di bicarbonato per circa 12 ore.
Trascorso il tempo, sgocciolate i ceci e sciacquateli sotto acqua corrente. Metteteli in una casseruola grande, copriteli con abbondante acqua fredda e cuoceteli a fuoco basso per almeno 2 ore, partendo dall'ebollizione (eliminate la schiuma che si forma in superficie con un mestolo forato). Trascorso il tempo indicato, unite i fagioli, dopo averli sgocciolati, e cuocete per un'altra ora. Infine, sciacquate 150 g di farro accuratamente e versatelo nella casseruola con i legumi; quindi prosegui la cottura per il tempo indicato sulla confezione, unendo poca acqua bollente o brodo caldo se il liquido di cottura si consumasse troppo. Regolate il sale poco prima di terminare la cottura.
Suddividete la zuppa nei piatti, profumatela con una macinata abbondante di pepe e servitela irrorandola con un giro d'olio crudo.




Torniamo il 2 novembre, un abbraccio e buon proseguimento!

14 commenti:

  1. Quanto mi piace questa zuppa... la segno per le ricette da fare in inverno e godere del piacere di un piatto di legumi! A presto LA

    RispondiElimina
  2. Cara Carla, un piatto così di legumi, fa sicuramente bene, in questo periodo!!!
    Ciao e buon inizio delle settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. adoro la tua zuppa Carla (ma anche quella focaccia ...wow... la voglio!!!) buon proseguimento di vacanza cara

    RispondiElimina
  4. uma sopa tão apetitosa !!
    me encantam suas receitas.
    grande abraço e feliz semana.
    :o)

    RispondiElimina
  5. Quanto mi piace.....Buon proseguimento di vacanza :)

    RispondiElimina
  6. bella zuppa e con una storia particolare! sono sempre affascinata da queste informazioni..bravissima!

    RispondiElimina
  7. mi piace tantissimo questa zuppa!!!!!!
    e che storia interessante, non la conoscevo!
    elisa

    RispondiElimina
  8. Una ricetta che nella sua semplicità racchiude pezzi di passato preziosi. Basta davvero poco per portare a tavola un piatto saporito. C'è tanto da imparare.
    Baci

    RispondiElimina
  9. Adoro i legumi e questa raccolta mi piace tantooo! La tua ricetta ha un'aspetto delizioso. Vado a scoprire gli altri piatti. ;) Buona giornata.
    Valentina

    RispondiElimina
  10. Buonissima nutriente e leggera. Buona serata

    RispondiElimina
  11. ciao Carla...un bel piatto coccoloso da gustare durante le fredde giornate invernali! Mi piace questa "mescolanza" di legumi!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ciao Carla. Grazie mille per questa strepitosa ricetta so che hai fatto il possibile per esserci e questo perchè adori la tua terra e sai esprimerne al massimo tutta la sua bellezza. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Che bello, quante zuppe! Del resto, l'autunno è anche questo! Questa tua proposta dev'essere squisita, complimenti!

    RispondiElimina